http://inrete.ch
Prima pagina
  Posta-e
  Agenda
  Mondo
Europa
Svizzera
Ticino e GR
  Cerca, Elenchi
Media, Stampa
Telefonini, www
  Commercio
Finanza
Lavoro
  Sport, Motori
Società, Cultura
Tempo libero
  Argomenti vari
 
 


 


 
Bambini Libri Auto Immobiliari Viaggi Meteo
Urgenze Salute A tavola Hobby Calendario Segnalazioni
    
  
 
 
   
Essere liberi è meglio che essere ricchi.
Nevio,  275 - 201 aC


Siamo schiavi delle leggi
per poter essere liberi.
Cicerone,  106 - 43 aC.


Non conviene conoscere il futuro
perché è inutile angustiarsi senza poter fare nulla
per evitare ciò che deve succedere.
Cicerone,  106 - 43 aC.


Non è generoso
chi è generoso con la roba altrui.
Seneca,  4 aC - 65.


Una grande ricchezza
è una grande schiavitù.
Seneca,  4 aC - 65.


Un uomo saggio non perde la testa per causa della buona fortuna
ne si lascia abbattere per le avversità.
Seneca,  4 aC - 65.


Saprai comandare quando avrai imparato a ubbidire.
Solone,  638 - 558 aC.


Se non fosse stato creato il miele
i fichi sembrerebbero più dolci.
Senòfane,  570 - 475 aC.


Il destino dei bugiardi è quello di non essere creduti
anche quando dicono la verità.
Aristotele,  384 - 322 aC


I genitori che si preoccupano dell'educazione dei figli
sono degni di maggiore stima di quelli che si limitano a metterli al mondo:
gli uni donano la vita, gli altri il vivere bene.
Aristotele,  384 - 322 aC


La verità più ragionevole è quella che sta a metà
tra il troppo e il troppo poco.
Aristotele,  384 - 322 aC


La bevanda placa la sete, il cibo placa la fame,
ma l'oro e l'argento non saziano mai l'appetito dell'avaro.
Plutarco,  46 - 125 d.C


La morte del vecchio è come un approdare al porto,
la morte del giovane è come un naufragio.
Plutarco,  46 - 125 d.C


I giovani hanno grandi pensieri appassionati,
ma poco senno.
Omero (.. a.C).


Una parola, un volta detta, non torna più indietro.
Orazio,  65 - 8 a.C.


Essere liberi è meglio che essere ricchi.
Gneo Nevio,  275 - 201 aC


Siamo schiavi delle leggi per poter essere liberi.
Cicerone,  106 - 43 aC.


Non conviene conoscere il futuro
perché è inutile angustiarsi senza poter fare nulla
per evitare ciò che deve succedere.
Cicerone,  106 - 43 aC.


Non è generoso
chi è generoso con la roba altrui.
Seneca,  4 aC - 65 dC.


Una grande ricchezza è una grande schiavitù.
Seneca,  4 aC - 65.


Un uomo saggio non perde la testa per causa della buona fortuna
ne si lascia abbattere per le avversità.
Seneca,  4 aC - 65.


Saprai comandare quando avrai imparato a ubbidire.
Solone,  638 - 558 aC.


È molto più facile ricambiare un torto che un favore,
perché la riconoscenza costa
mentre la vendetta è considerata un guadagno.
Tacito,  58 - 120 aC.


Non è vissuto male chi è nato e morto sconosciuto.
Orazio,  65 - 8 a.C.
 

Il favore di un amico potente lusinga chi è inesperto.
Chi ha esperienza, invece, lo teme.
Orazio,  65 - 8 a.C.


Il tempo che ti spetta di vivere ha un limite
e se non lo utilizzi per raggiungere la serenità esso svanirà
e anche tu svanirai e non ti sarà più permesso
di approfittarne un'altra volta.
Marco Aurelio,  121 - 180.


Il tempo è un fiume fatto di eventi,
un torrente impetuoso che tutto travolge.
Ogni cosa, appena emerge alla vista,
viene subito trascinata via e lascia il posto a un'altra
che a sua volta sarà subito portata via.
Marco Aurelio,  121 - 180.


Conversando con gli altri, evita di ricordare troppo spesso
quello che hai fatto o i pericoli che hai corso.
Infatti, per gli altri non è piacevole ascoltare le tue avventure,
quanto lo è per te raccontarle.
Epitteto,  50 - 130


Ognuno deve attendersi dai figli
ciò che ha dato ai genitori.
Talete,  640 - 548 a.C.
 
 
La cosa più difficile è conoscere se stessi.
La cosa più facile è dare consigli agli altri.
Talete,  640 - 548 a.C.


Sii sempre pronto a cambiare .opinione
se trovi qualcuno capace di convincerti che la tua è sbagliata.
Marco Aurelio,  121 - 180.


I doni che uno fa quando muore non sono veri doni,
perché non li farebbe se potesse goderli ancora.
 
 
Uccidere è sempre un delitto
anche quando la morte è una liberazione.
( massima medioevale )


Non abbiamo tanto bisogno degli amici
ma del fatto di poter contare su di loro.
Epicuro,  342 - 270 a.C.


Molti raccontano bugie
perché amano apparire più che essere.
Eschilo,  525 - 456 a.C.


Gli inferiori si ribellano per poter diventare pari agli atri
e i pari per poter poter essere superiori agli altri:
questa è la molla di tutte le rivoluzioni.
Aristotele,  384 - 322 a.C.


Prepara mali a se stesso chi prepara mali agli altri:
spesso i cattivi consigli si rivelano pessimi per chi li da.
Esiodo, tra 800 e 700 a.C


Spesso un'intera comunità paga le colpe di un solo malvagio.
Esiodo, tra 800 e 700 a.C


Il poco è poco, ma se aggiungi il poco al poco e lo fai di frequente,
presto il poco diventerà molto.
Esiodo, tra 800 e 700 a.C


Per molta gente, l'essere diventati ricchi non significa aver finito di penare
ma semplicemente aver cambiato tipo di pena.
Seneca, 4 a.C - 65 d.C


L'uomo è come il vino :
quello buono invecchiando migliora,
quello non buono invecchiando diventa acido.


Il corpo con l'esercizio si logora;
la mente, invece, si rinvigorisce.
Cicerone, 106 - 43 a.C.


Niente asciuga più velocemente di una lacrima.
Cicerone, 106 - 43 a.C.
 

Una giovinezza dissoluta e sregolata
consegna alla vecchiaia un corpo logoro e stanco
Cicerone, 106 - 43 a.C.
 

Se sparli di qualcuno,
aspettati di sentire cose anche peggiori sul tuo conto.
Esiodo, 800 a.C.


Molti, per desiderio di avere sempre di più,
perdono anche quello che hanno.
Esopo, 600 a.C.


Un animo sereno favorisce la guarigione,
uno spirito depresso toglie la vita.
Salomone 900 a.C, libro dei Proverbi 17,22.


Ti svelerò un filtro amoroso potentissimo,
senza erbe e senza formule magiche:
"se vuoi essere amato, ama".
Esopo, 600 a.C.


Le circostanze possono far diventare coraggioso
anche chi non lo è mai stato.
Esopo, 600 a.C.


La cicatrice rimane
anche quando la ferita si è rimarginata.
( massima medioevale )
 
 
Perdona gli sbagli altrui,
pensando che tu sbagli tutti i giorni.
( massima medioevale )


Spesso per paura anche gli onesti seguono i malvagi.
( massima medioevale )


Chi ama il pericolo vi perirà.
( massima medioevale )


Rifletti a lungo ma poi agisci in fretta.
( massima medioevale )


Se avessi taciuto,
avresti continuato a essere considerato saggio.
( massima medioevale )
_

Le parole insegnano, gli esempi trascinano.
( massima medioevale )
   
 
Massima:  frase breve e sentenziosa in cui è enunciata una norma di vita (dal latino 'maxima')
Aforisma:  breve massima che enuncia una regola pratica o una norma di saggezza (dal greco 'aphorismós' = definizione)
 
 
WIKIQUOTE
aforismi
 
   
 
  HOME

massime e aforismi