http://inrete.ch
Prima pagina
  Posta-e
  Agenda
  Mondo
Europa
Svizzera
Ticino e GR
  Cerca, Elenchi
Media, Stampa
Telefonini, www
  Commercio
Finanza
Lavoro
  Sport, Motori
Società, Cultura
Tempo libero
  Argomenti vari
 
 


 


 
Bambini Libri Auto Immobiliari Viaggi Meteo
Urgenze Salute A tavola Hobby Calendario Segnalazioni
    
  
 
 
   
Conversando con gli altri, evita di ricordare troppo spesso
quello che hai fatto o i pericoli che hai corso.
Infatti, per gli altri non è piacevole ascoltare le tue avventure,
quanto lo è per te raccontarle.
Epitteto,  50 - 130


Ognuno deve attendersi dai figli
ciò che ha dato ai genitori.
Talete,  640 - 548 a.C.
 
 
La cosa più difficile è conoscere se stessi.
La cosa più facile è dare consigli agli altri.
Talete,  640 - 548 a.C.


Sii sempre pronto a cambiare .opinione
se trovi qualcuno capace di convincerti che la tua è sbagliata.
Marco Aurelio,  121 - 180.


I doni che uno fa quando muore non sono veri doni,
perché non li farebbe se potesse goderli ancora.
 
 
Uccidere è sempre un delitto
anche quando la morte è una liberazione.
( massima medioevale )


Non abbiamo tanto bisogno degli amici
ma del fatto di poter contare su di loro.
Epicuro,  342 - 270 a.C.


Molti raccontano bugie
perché amano apparire più che essere.
Eschilo,  525 - 456 a.C.


Gli inferiori si ribellano per poter diventare pari agli atri
e i pari per poter poter essere superiori agli altri:
questa è la molla di tutte le rivoluzioni.
Aristotele,  384 - 322 a.C.


Prepara mali a se stesso chi prepara mali agli altri:
spesso i cattivi consigli si rivelano pessimi per chi li da.
Esiodo, tra 800 e 700 a.C


Spesso un'intera comunità paga le colpe di un solo malvagio.
Esiodo, tra 800 e 700 a.C


Il poco è poco, ma se aggiungi il poco al poco e lo fai di frequente,
presto il poco diventerà molto.
Esiodo, tra 800 e 700 a.C


Per molta gente, l'essere diventati ricchi non significa aver finito di penare
ma semplicemente aver cambiato tipo di pena.
Seneca, 4 a.C - 65 d.C


L'uomo è come il vino :
quello buono invecchiando migliora,
quello non buono invecchiando diventa acido.


Il corpo con l'esercizio si logora;
la mente, invece, si rinvigorisce.
Cicerone, 106 - 43 a.C.


Niente asciuga più velocemente di una lacrima.
Cicerone, 106 - 43 a.C.
 

Una giovinezza dissoluta e sregolata
consegna alla vecchiaia un corpo logoro e stanco
Cicerone, 106 - 43 a.C.
 

Se sparli di qualcuno,
aspettati di sentire cose anche peggiori sul tuo conto.
Esiodo, 800 a.C.


Molti, per desiderio di avere sempre di più,
perdono anche quello che hanno.
Esopo, 600 a.C.


Un animo sereno favorisce la guarigione,
uno spirito depresso toglie la vita.
Salomone 900 a.C, libro dei Proverbi 17,22.


Ti svelerò un filtro amoroso potentissimo,
senza erbe e senza formule magiche:
"se vuoi essere amato, ama".
Esopo, 600 a.C.


Le circostanze possono far diventare coraggioso
anche chi non lo è mai stato.
Esopo, 600 a.C.


La cicatrice rimane
anche quando la ferita si è rimarginata.
( massima medioevale )
 
 
Perdona gli sbagli altrui,
pensando che tu sbagli tutti i giorni.
( massima medioevale )


Spesso per paura anche gli onesti seguono i malvagi.
( massima medioevale )


Chi ama il pericolo vi perirà.
( massima medioevale )


Rifletti a lungo ma poi agisci in fretta.
( massima medioevale )


Se avessi taciuto,
avresti continuato a essere considerato saggio.
( massima medioevale )
_

Le parole insegnano, gli esempi trascinano.
( massima medioevale )


L'onere della prova spetta a chi afferma e non a chi nega.
( massima medioevale )


Contro un fatto non c'è argomento che tenga.
( massima medioevale )


Chi è nudo non può essere spogliato
neanche da mille briganti.
( massima medioevale )


Chi si affanna a ingannare,
spesso si trova ingannato dai suoi stessi inganni.
( massima medioevale )


Nessuno sa veramente quello che ha
fino a quando non lo perde.
( massima medioevale )


Fare il generoso a spese altrui è una specie di furto.
( massima medioevale )
 

Tutte le cose grandi
prendono le mosse da cose insignificanti.
( massima medioevale )


Troppo denaro nelle mani dei giovani
accresce soltanto i loro vizi.
( massima medioevale )


La gelosia è un misto d'amore,
d'odio, d'avarizia e d'orgoglio.
(Alphonse Karr, 1808-1890)


Le donne si lasciano convincere da colui che ragiona,
non dai suoi ragionamenti.
(Alphonse Karr, 1808-1890)


I funzionari sono come i libri di una biblioteca:
quelli piazzati più in alto sono quelli che servono di meno.
(Alphonse Karr, 1808-1890)


Credo ad un saggio quando gli ho sentito dire
tre volte "dubito" e due volte "non so".
(Alphonse Karr, 1808-1890)


L'incertezza è il peggiore dei mali,
fino al momento in cui la realtà ce la fa rimpiangere.
(Alphonse Karr, 1808-1890)


Le ingiurie sono molto umilianti per chi le dice,
quando non riescono ad umiliare chi le riceve.
(Alphonse Karr, 1808-1890)


C'è qualcosa di peggio dei vizi:
le false virtù.
(Alphonse Karr, 1808-1890)


Non si viaggia per viaggiare,
ma per aver viaggiato.
(Alphonse Karr, 1808-1890)


L'età in cui si divide tutto
é quella in cui non si possiede nulla.
(Alphonse Karr, 1808-1890)
 


La felicità è fatta di infelicità evitate.
(Alphonse Karr, 1808-1890)


La donna per l'uomo é uno scopo,
l'uomo per la donna é un mezzo.
(Alphonse Karr, 1808-1890)


Nella vita nulla avviene
ne come si teme ne come si spera.
(Alphonse Karr, 1808-1890)
 
 
Vissero infelici perché costava meno.


La psicanalisi è un mito
tenuto in vita dall'industria dei divani.
(Woody Allen, 1935)


Amare qualcuno non è solo un forte sentimento,
è una scelta, una promessa, un impegno.
(Erich Fromm, 1900-1980)


Non è ricco colui che ha molto ma colui che dà molto.
Chi è capace di dare se stesso è veramente ricco.
(Erich Fromm, 1900-1980)


Il pericolo del passato era che gli uomini fossero schiavi.
Il pericolo del futuro è che diventino robot.
(Erich Fromm, 1900-1980)
 


L'amore immaturo : " Ti amo perché ho bisogno di te ".
L'amore maturo : " Ho bisogno di te perché ti amo ".
(Erich Fromm, 1900-1980)


Delle donne non vince quella che corre dietro
né quella che scappa,
vince invece quella che aspetta.
(Elias Canetti, 1905-1944)


Nessuno può allontanarsi
dalla propria ombra.
   
 
Massima:  frase breve e sentenziosa in cui è enunciata una norma di vita (dal latino 'maxima')
Aforisma:  breve massima che enuncia una regola pratica o una norma di saggezza (dal greco 'aphorismós' = definizione)
 
 
WIKIQUOTE
aforismi
 
   
 
  HOME

massime e aforismi