http://inrete.ch
Prima pagina
  Posta-e
  Agenda
  Mondo
Europa
Svizzera
Ticino e GR
  Cerca, Elenchi
Media, Stampa
Telefonini, www
  Commercio
Finanza
Lavoro
  Sport, Motori
Società, Cultura
Tempo libero
  Argomenti vari
 
 


 


 
Bambini Libri Auto Immobiliari Viaggi Meteo
Urgenze Salute A tavola Hobby Calendario Segnalazioni
    
  

 Favole > Favole di Esopo
LA DONNOLA E IL GALLO
 
Una donnola aveva preso un gallo
e cercava un pretesto plausibile per mangiarlo.
Cominciò allora ad accusarlo di essere molesto agli uomini,
perché cantando non li lasciava dormire.
Ma il gallo si difendeva affermando che lo faceva nel loro interesse,
affinché si svegliassero per attendere alle faccende quotidiane.
E lo accusava di violare le leggi di natura,
accoppiandosi con sua madre e le sue sorelle.
Ma egli asseriva che anche questo lo faceva nell'interesse del padrone,
perché così le galline facevano molte uova.
Allora la donnola esclamò:
<< Sì, certo, sai trovare delle belle giustificazioni.
     Ma io non voglio per questo rimanere a bocca asciutta ! >>
E se lo divorò.


La favola vuole mostrare come i malvagi,
quando hanno in mente di compiere un sopruso,
se non riescono a inventare pretesti plausibili
agiscono comunque.
Anche i potenti della terra agiscono in questo modo:
prima creano il pretesto e poi passano all'azione.
  
 
Esopo, circa 620 - 560 avanti Cristo
  
  HOME

1109